Risultati Categoria Classica Composizione

Come Presidente della Giuria del Concorso di Composizione, non posso che complimentarmi per la scelta fatta dalla direzione artistica di pensare ad un Concorso per incentivare ed incoraggiare la scrittura – soprattutto di giovani compositori – di brani per fisarmonica. La produzione di repertorio valido ha un significato profondo ed ha una relazione diretta che le potenzialità di diffusione dello strumento fisarmonica e del suo inserimento in contesti concertistici e culturali. In questo caso la proposta è stata ancor più ambiziosa poiché veniva proposta la scrittura di una composizione per un organico grande, ma sempre con il ruolo di protagonista riservato alla fisarmonica.

Colgo l’occasione per ringraziare i prestigiosi colleghi della giuria per il loro lavoro, giuria formata da personalità con specializzazioni variegate, in modo da coprire un arco di competenze e sensibilità più ampio. Il bando di concorso è stato inviato in primis a tutto il database in mano agli organizzatori di PIF Castelfidardo, ma anche a tutti i Conservatori italiani e ai più importanti istituti internazionali, e anche questa azione ha una valenza in termini di stimolo culturale di non poco conto. La risposta in partecipazione, alla luce dei tempi piuttosto compressi per una scrittura per grande organico, è stata davvero oltre le aspettative con ben 19 composizioni pervenute entro la deadline.

PIF Castelfidardo da anni si era già ricavato un ruolo nel panorama nazionale ed estero per la produzione di nuovo repertorio per fisarmonica e negli anni – a volte un concorso, a volte una commissione diretta – il repertorio fatto conoscere a livello internazionale dalla città patria mondiale della fisarmonica ha assunto dimensione ragguardevoli, sia per strumento solo, sia con organico cameristico, sia con grandi ensembles o orchestre. Nel panorama odierno, gli steccati tra i diversi linguaggi compositivi e i diversi stili sono stati ampiamente abbattuti e in questo PIF Castelfidardo ha sempre cercato di inglobare tale pluralità tentando di ricercare l’efficacia e la bontà di una opera; questo vale nei giudizi delle giurie del concorso di esecuzione rispetto ai repertori presentati dai concorrenti, ma vale anche per questo concorso di composizione, prova ne è la grande differenza che c’è tra gli stili di scrittura delle opere che hanno ottenuto i punteggi maggiori. Inoltre in questo caso, la giuria ha dovuto tener conto nei brani valutati della scrittura della parte solistica e del suo dialogo con la parte orchestrale visto lo specifico contesto di questo concorso di composizione. Cosa comunque evidente è che siano stati prodotti dei lavori davvero interessanti. E per questo gli organizzatori di PIF Castelfidardo si attiveranno affinché tali opere vengano divulgate e promosse. Da sottolineare la giovane età dei 3 compositori sul podio, Andrea Di Giacomo (22 anni), Alessandro Papaianni (31 anni) e Gabriele Tortorelli (33 anni), tutti laureati o laureandi in composizione.

Paolo Picchio

 

  Titolo   Autore Partitura Ascolta

Chiaroscuro

Il “chiaroscuro” è un effetto artistico che consiste nel dare risalto alle immagini tramite l’alternanza di luci ed ombre. L’idea principale del brano è quella di ricreare questo “effetto” utilizzando contrasti fra ritmo e melodia, consonanza e dissonanza. 

 

Andrea Di Giacomo

Nato nel 1996, inizia da giovanissimo lo studio della fisarmonica, distinguendosi fin da subito nelle principali competizioni nazionali ed internazionali. Nel 2014 e 2015 vince il prestigioso Premio Internazionale di Castelfidardo, nel 2015 a Turku (Finlandia) e nel 2017 a Osimo (Italia) vince la Coupe Mondiale e sempre nel 2017 vince il Trophee Mondial de l’Accordeon a Onet-Le-Chateau (Francia).
Attualmente è laureando nel corso di Composizione presso il Conservatorio “L. D’Annunzio” di Pescara e nel maggio del 2016 ha pubblicato il suo primo CD da solista: “Accordion Colours”. Ha effettuato tour in Italia, Finlandia, Russia, USA, Lituania, Austria, Svizzera, Portogallo e Francia. 

 

 

MP3

Fantasia Sinfonica n. 3 “Il Faro”

La figura del faro solitario in mezzo alle acque del mare mi ha sempre affascinato, ed è stata per questo brano l’immagine guida per la fase di ispirazione compositiva. La mia scrittura guarda molto alla musica sinfonica per il cinema, non dimenticando la tradizione classica soprattutto di matrice romantica. La parte di fisarmonica è stata scritta in collaborazione con il fisarmonicista Mario Piluso, che ha composto anche il “solo”.

 

Alessandro Papaianni

Nasce a Cosenza nel 1987. Dopo gli studi in Dams e quelli di Composizione nella città natale, si trasferisce a Milano dove consegue il Diploma Accademico in Composizione ad indirizzo audiovisivo con il massimo dei voti presso la Scuola Civica di Musica “Claudio Abbado”. Lavora attivamente nel campo dell’audiovisivo, firmando le musiche di numerosi cortometraggi, film e spot pubblicitari.

 

 

MP3

Concerto da camera n. 1

Il Concerto da camera N. 1 è strutturato secondo la classica “Forma-Sonata”del XIX secolo, composta da due temi: ritmico il primo e melodico il secondo. Il materiale tematico viene scambiato tra le diverse sezioni dell’ensamble, in modo da creare un dialogo quasi primitivo. Il vero leitmotiv della partitura è il ritmo. La sezione centrale è un monologo esposto dalla sola fisarmonica, un linguaggio più sensibile, più raffinato del precedente, ma più malinconico. Il concerto si conclude con la ripresa del primo tema e un impasse del secondo tema, creando uno stallo del materiale tematico.

 

Gabriele Tortorelli

Inizia giovanissimo lo studio della fisarmonica . Ha frequentato le classi del M0 Pitocco al Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma, del M0 Del Conte e del M° Chiacchieretta al Conservator io “Umberto Giordano” di Foggia, diplomandosi con il massimo dei voti. Si è perfezionato con i maestri Shiskyn e Vayrynen. Parallelamente allo studio della fisarmonica affianca lo studio della composizione, la sua più grande passione, con i M° Giovanni Piazza e M0 Lucio Gregoretti. Ha scritto musiche per il teatro e per formazioni camerististe. Si identifica nel pensiero musicale di Stravinsky e Schnittke

 

 

MP3