Dražan Kosorić vince la categoria Classical Composition

Scritto da PIF on . Postato in News

Alla “Bosnia-Erzegovina” la vittoria nel concorso di composizione per Fisarmonica e Orchestra sinfonica con il podio completato dall’Italia e dalla Francia. Rovesciando le previsioni sono arrivate ben 17 composizioni anche dalla Russia, Francia, Polonia, Portogallo e Repubblica Ceca. Oggi il mondo della letteratura fisarmonicistica è più ricco e ancora una volta il PIF si conferma al centro della fisarmonica mondiale.

“Sono molto soddisfatto del lavoro degli stimati colleghi e del livello dei lavori pervenuti. Sono certo che un buon numero di queste opere – credo anche maggiore rispetto allo scorso anno – meriti di restare nel repertorio dei concertisti di fisarmonica. Alla fine ha vinto una composizione dotata di un grande equilibrio e di buona qualità che complessivamente ha avuto un apprezzamento (con dei punteggi elevati) da parte di tutti i componenti della giuria.

Queste le parole del presidente della giuria Paolo Picchio (Italia) che ha presieduto una commissione straordinaria, che si è espressa non senza difficoltà, vista la qualità delle composizioni, per stilare la classifica definitiva della categoria Classica Composizione.

Una giuria composta da  leader indiscussi in campo compositivo e concertistico, ciascuno con un curriculum invidiabile: Friederic Lips (Russia), Ivan Fedele (Italia), Gorka Hermosa (Spain), Bete Ilin (Macedonia), Volodymyr Runchak (Ucraina), Massimiliano Pitocco (Italia), Peter Soave (USA), Antonio Cericola (Italia), Livio Bollani (Italia).

Con un punteggio di 18,33/20 il vincitore è stato Dražan Kosorić dalla Bosnia-Erzegovina con il brano “Baš-Čelik”(qui la partitura), di cui pubblichiamo l’esecuzione con fisarmonica (formato MP3) e senza (formato MP3)  e ciò che servirà ai concorrenti della categoria Premio, lo spartito della fisarmonica solista.

Il Maestro Kosorić (1976) ha studiato nella “State Music Academy “A. V. Nezhdanova” (Odessa, Ukraine) con “Master” alla “Music Academy of the University of East Sarajevo” e non è nuovo ai grandi risultati infatti le sue opere sono già state eseguite in Ukraine, Russia, Italy, Germania, Austria, Slovacchia, Croatia, Serbia, Slovenia, Bulgaria ed ha vinto numerosi premi in Ucraina, Serbia, Austria, Bulgaria. Il brano che ci propone è ispirato ad una antica fiaba serba, molto simile alla più nota “La Sfera di Cristallo” dei Fratelli Grimm.

Secondo classificato l’italiano Giuseppe Di Falco, compositore dalla formazione Crossover/Jazz con il brano “Black Forest Suite” staccato di soli 2 centesimi (18,31/20). Al terzo posto (18,00/20) Hervé Esquis dalla Francia, fisarmonicisita, bandoneoista, compositore e direttore d’orchestra attualmente docente nel conservatorio Puy-en-Velay (Francia) con il brano “Anouk et la Cité de Nacre”.

Ci riempie di orgoglio sapere – come si evince dai titoli delle opere – che i compositori abbiano interpretato in maniera personale e creativa il tema assegnato dal PIF (“C’era una volta…”) e di come il livello tecnico delle partiture orchestrali abbiano raggiunto livelli di grande entusiasmo per il futuro della fisarmonica.

Ricordando che il brano vincitore sarà la prova obbligatoria della categoria Premio del #PIF2019 Premio Internazionale della fisarmonica di Castelfidardo, il prossimo appuntamento in questione è per la premiazione del podio dei partecipanti, che avverrà domenica 22 settembre al concerto di gala presso il Teatro Astra di Castelfidardo.

Lascia un commento